Inchieste, reportage e articoli. Tutto questo è Donnelibertadistampa, il blog a quattromani di Valeria Brigida e Giulia Zanfino Donnelibertadistampa | donne libertà di stampa | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


diritti
"NON SI PUO' MORIRE DI ACIDO MURIATICO". A REGGIO L'8 SETTEMBRE UN SIT IN PER ACCENDERE I RIFLETTORI SU ALCUNE MORTI SOSPETTE.
28 settembre 2011



                           Le donne del movimento "Se non ora quando" di Reggio Calabria

Reggio Calabria. "E ora lo Stato intervenga per tutelare i figli della Cacciola, tutti minorenni!". L'on. Angela Napoli esce dalla Prefettura di Reggio Calabria, mentre sulla città è calata la notte. Insieme a lei un gruppo di donne, tra cui l'on. Maria Grazia Laganà, organizzatrici della manifestazione "Chi collabora non deve morire di acido muriatico". Donne diverse le une dalle altre. Attiviste politiche di Fli, Idv, Pd, le donne del movimento "Se non ora quando?", insegnanti in pensione, studentesse. Donne arrivate in piazza Italia per un'emozione forte. "Abbiamo seguito in poco tempo suicidi di donne con acido muriatico. Tutte donne che erano testimoni di giustizia" afferma Antonia Lanucara, prima firmataria della petizione che verrà presentata alle più alte cariche del Governo, per accendere i riflettori sulla questione dei testimoni di giustizia. "Il problema che ci ha spinto qual'è?" continua la Lanucara "E' che ci si può ammazzare con un tubetto di sonnifero, così ti addormenti serenamente. Invece queste donne ricorrono al suicidio sapendo che soffriranno in maniera terribile. Allora non si tratta solo di suicidio, ma di una volontà auto-assassina. Questa cosa in qualche maniera ci ha fatto pensare. Non so quali fossero le condizioni quando queste donne hanno bevuto l'acido. Voglio pensare a qualunque cosa... Maria Concetta aveva solo 32 anni e 3 figli e aveva deciso di diventare testimone di giustizia". I dubbi sono più che leciti. Testimoni di giustizia e acido è il binomio agghiacciante che sembra governare le sorti delle donne che decidono di schierarsi contro la 'ndrangheta. Maria Concetta Cacciola, Tita Buccafusca, Lea Garofalo. Donne che hanno fatto una scelta difficile, che non lascia scampo: sangue contro sangue, perché il clan è una famiglia. Un sofisticato meccanismo capace di preservare l'endogamia di ceto che costituisce l'ossatura della mafia calabrese, da più di un secolo. Queste tre donne oggi non possono più parlare. La loro morte, certo sospetta, è più simile a un monito. A un messaggio chiaro e netto: chi collabora muore. Di una morte dolorosa. Spietata. "L'obiettivo del nostro sit-in" continua la Lucanara "è quello di mettere mano alla legge che già esiste sui testimoni di giustizia, per fare in modo che le protezioni siano saggiamente guidate". 



Tre giorni prima della morte, Maria Concetta Cacciola aveva richiesto la protezione a cui aveva rinunciato, tornando a Rosarno. Bisognerebbe forse garantire maggiore protezione a chi diventa testimone e quindi rivedere la legge. Sotto il palazzo della Prefettura le donne del movimento "Se non ora quando?" di Reggio Calabria stringono tra le mani gli striscioni. Hanno un bavaglio rosa stretto sul volto. Sopra c'è scritto "Acido", "'Ndrangheta", "Silenzio". Luciana, Teresa, Rosamaria, Consuelo, Rosanna. Donne che si muovono per le donne. Sorridono sotto il bavaglio e si scambiano sguardi complici. Prima di arrivare al sit-in hanno fatto volantinaggio sul Corso, per divulgare l'evento. "Il nostro movimento non fa assistenzialismo. Per ribaltare l'assioma mafioso bisogna sollecitare le coscienze a una presa di posizione netta". Ma Piazza Italia è quasi vuota. I reggini passeggiano sul corso, tra vetrine ammiccanti e palazzi padronali. Forse la presa di coscienza è ancora lontana. Forse si vuole fingere di non vedere. Eppure mai come in questo momento storico, in Calabria, si assiste a un movimento di donne che decidono di schierarsi contro la 'ndrangheta e denunciare la propria famiglia. E c'è da chiedersi se queste morti saranno un deterrente per chi vorrebbe, ma non ha ancora avuto il coraggio di passare dall'altra parte. Perché la scelta di essere testimone di giustizia, in Calabria, ha un costo altissimo. Significa schierarsi contro il marito, i figli, i fratelli, le sorelle. E ritrovarsi soli. Perché il sangue è il cemento di ogni rapporto mafioso e la donna è un capitale sociale inestimabile, bullone di quell'ingranaggio determinante, per muovere il mondo parallelo dominato dai clan. 



                                    L'On. Angela Napoli e Teresa Libri (Fli Calabria)


"Il Prefetto si è fatto carico di segnalare al Ministero dell'Interno questa sollecitazione che proviene dalla società civile, rispetto all'attenzione necessaria per i testimoni di giustizia ed in particolare per le donne" afferma l'on. Angela Napoli. "Donne che decidono di ribellarsi a volte anche perché appartenenti a famiglie mafiose, ma che poi si ritrovano completamente isolate e quindi incoraggiata al suicidio. Abbiamo voluto fare attenzionare al Prefetto la modalità, che deve far preoccupare, dell'uso dell'acido muriatico. Non dimentichiamo che Reggio ha visto anche un'altra donna, funzionaria del Comune, usare l'acido muriatico per il suicidio (Orsola Fallara, ndr). Sono fatti molto, molto strani, che vanno attenzionati e sui quali pretendiamo chiarezza. Lo dobbiamo ai sacrifici di queste donne, per evitare che accadano nuovi fatti di questo genere". L'obiettivo è quello che si riveda la legge sui testimoni di giustizia, per garantire loro una tutela più ampia. Chiediamo all'on. Napoli cosa ne sarà dei figli di Maria Concetta Cacciola. "Lo Stato intervenga per tutelarli" ci risponde l'onorevole. Cosa ne sarà di loro ce lo dirà il tempo. A oggi sono tre minorenni, orfani di madre, in terra di 'ndrangheta.

.


Giulia Zanfino (foto G.Z.)

Fonte: Mezzoeuro


diritti
Le sorti dell'ospedale di Acri appese a un filo. In vista un forte ridimensionamento.
17 novembre 2010

Chiudere e ridimensionare piccoli ospedali pubblici e tenere in vita solo alcune cliniche private convenzionate, per un giro d'affari milionario. Lo tzunami del commissariamento si abbatte sulla Calabria, e potrebbe assumere la forma di un'onda anomala. Perché l'anomalia è lampante, laddove il servizio pubblico è soppresso, e parte di quello privato accreditato, alimentato con finanziamenti regionali, a meno che non si tratti di strutture d'eccellenza. Se l'obiettivo millantato è quello di rimettere i conti in ordine, a primo colpo d'occhio la percezione imperante è che la Sanità calabrese assuma nuovamente i contorni di una "piazza affari" che governa il destino delle nostre strutture sanitarie in nome di interessi di ceto, che poco hanno a che vedere con la tutela del diritto alla salute. Perché se il Piano di Rientro della Sanità mira al recupero di fondi e ad ottenere un finanziamento di ben 800mln di euro, la domanda scontata è: come saranno investiti realmente questi fondi? E in base a quali criteri si decideranno le sorti delle strutture private accreditate? Sono bastati così pochi mesi a sradicare la presenza del malaffare in un settore che gestisce da sempre cifre astronomiche? Tra le struttue colpite dai tagli serpeggia il malcontento. Perché è risaputo che alcuni politici, e non solo, acquistano azioni nelle cliniche private accreditate. Miniere d'oro, sovvenzionate per anni da finanziamenti regionali. Su cui pendono molti interrogativi. Se ad oggi non sembra facile mettere a fuoco il reale destino delle strutture sanitarie regionali, non mancano le sorprese agli ospedali che si ritenevano messi in salvo dal "risiko" del commissariamento calabrese. Ad Acri, paese del Cosentino, proprio mercoledì, la quotidianità dell'ospedale cittadino è stata turbata da una visita inattesa. L'assessore all'Agricoltura e Foreste, Michele Trematerra, ha accompagnato in un giro d'ispezione silenziosa il rappresentante di un organismo "Sovraregionale", con il compito di monitorare la situazione degli ospedali da ridimensionare. Dalle mura dell'ospedale acrese trapela poco o nulla. Ma le voci che girano parlano di un forte ridimensionamento, che priverebbe la struttura della possibilità di far fronte alle emergenze e alle urgenze. Sembra, infatti, sia prevista la chiusura del reparto di Ginecologia e Ostetricia, e quello di Chirurgia, che diventerebbe un Day Surgery. Sarebbe poi prevista la nascita di un reparto di Riabilitazione, che prevede la presenza di ben trenta posti letto. Un fulmine a ciel sereno, perché proprio il governatore Scopelliti aveva affermato, nell'ambito della presentazione cosentina del Piano di Rientro della Sanità, dal palco del teatro "Morelli", che gli ospedali montani sarebbero rimasti così com'erano, con qualche piccola modifica. Niente di più. Invece, sull'ospedale di Acri, un colpo di scimitarra e le rassicurazioni del governatore si vestono di un tessuto ambiguo, fatto di "parate e chiacchiere", sfilate in abiti scuri, camicie immacolate e sorrisi scolpiti su volti che celano altre verità. Quelle che fanno male e che è meglio centellinare. La chiusura del reparto di chirurgia di Acri, dove da anni si eseguono egregiamente delicati interventi in laparoscopia, non è il solo pericolo che appare all'orizzonte. Preoccupa molto di più la previsione della chiusura del reparto di Ginecologia e Ostetricia, da anni riconosciuto per la qualità del servizio offerto. Qui, oltre ai parti, si eseguono interventi delicati sulle pazienti ginecologiche e si partecipa alla donazione del cordone ombelicale, grazie all'interazione del reparto con l'associazione "Susy sorriso di Dio". Servizi che non tutti gli ospedali sono in grado di garantire, nel martoriato scacchiere calabrese. Rieccheggiano i parti per strada, quando un tempo il paese non aveva il reparto di Ginecologia, e si doveva raggiungere l'ospedale di Cosenza. In caso di parti precipitosi, la situazione rischia di diventare drammatica. "Potrebbe tornare di moda partorire al Cocozzello, come accadeva un tempo" affermano amaramente alcuni cittadini. Quali saranno le posizioni dell'amministrazione comunale, è difficile dirlo. Dalle mura di palazzo Gencarelli, non trapela nulla. Non riusciamo a intervistare il sindaco Trematerra e l'agenda fitta del governatore Scopelliti non ci consente di chiedergli delucidazioni. Ma la storia dell'ospedale di Acri è costellata da anni di battaglie, per scongiurarne la chiusura. Già negli anni Novanta, nel primo Governo Berlusconi, c'era stato un tentativo di chiudere i piccoli ospedali, tra cui l'ospedale di Acri. Allora ci fu una serrata di parlamentari e cittadini, e il tentativo fallì. Qualche anno fa un nuovo tentativo scatenò lo sciopero generale del comprensorio, e tutta la popolazione e i politici parteciparono alla protesta. Del resto l'ospedale di Acri ha un ruolo sociale consolidato, per le risposte che ha dato e continua a dare e per i servizi che eroga da anni, su un territorio in cui i dissesti idrogeologici hanno isolato più volte il paese intero. "Non è chiudendo la struttura, ma migliorando i servizi e la qualità, che si può discutere di un Piano di Rientro" affermano alcuni cittadini. La vera sfida sarebbe, quindi, rendere i servizi di qualità, con una spesa contenuta. Ma a quanto pare per la Regione Calabria i tempi non sono maturi. Ora i riflettori sono puntati sulla collettività acrese e soprattutto sui suoi esponenti politici di spicco. I Trematerra, padre e figlio, l'uno alla guida del Comune di Acri, l'altro al timone dell'assessorato all'Agricoltura e il consigliere provinciale De Vincenti. Tutti rappresentanti politici di un UDC calabrese che potrebbe fare la differenza sulle sorti dell'ospedale di Acri.

Fonte: Mezzoeuro

diritti
Lucio Musolino, giornalista attivo sul fronte 'ndrangheta, "epurato via fax" da Calabria Ora. Con le sue inchieste aveva lambito la "zona grigia".
18 ottobre 2010

Dal 2006 sono redattore di “Calabria Ora” e, dallo scorso gennaio, collaboro con il “Fatto quotidiano”. Da anni ormai mi occupo di nera e giudiziaria e ho scritto di inchieste delicate sulla ‘ndrangheta e, soprattutto sui  rapporti tra le cosche e la politica. Per anni, con i miei colleghi, abbiamo sempre riportato i fatti. E sono quelli a fare paura in questa città e in questa regione dove non tutto è nero o bianco. Dove abbiamo una folta zona grigia che è oggetto di delicatissime inchieste delle Direzioni distrettuali antimafia di Reggio e di Milano.

Negli ultimi mesi, non ho fatto altro che pubblicare gli atti contenuti nei fascicoli delle inchieste “Meta”, “Crimine” ed “Epilogo”.

 

L’intimidazione

La notte del primo agosto, rientro a casa alle 4 e, sul tavolo della veranda, trovo una bottiglia di benzina con un biglietto di minacce con cui qualcuno mi invita a “smetterla con la ‘ndrangheta” e a seguire il mio ex direttore Paolo Pollichieni che si era dimesso assieme ad altri 8 colleghi. La benzina sarebbe stata per me e non per la mia auto.

Sono entrati, quindi, nel mio cortile di notte, mentre la mia famiglia era in casa, e hanno lanciato un messaggio mafioso a una settimana da una precedente lettera anonima recapitata in redazione con cui si invitava “chi ha tenuto la mano a Pollichieni in questi anni” ad andarsene.

Io non so chi, materialmente, è responsabile dell’intimidazione. So invece cosa ho scritto nelle settimane precedenti al gesto. Ho pubblicato il contenuto di un’informativa del Ros dalla quale è emerso che Scopelliti, con la scorta pagata dai contribuenti, ha partecipato assieme a molti consiglieri comunali a una pranzo invitato dall’imprenditore arrestato Domenico Barbieri.  Lo stesso pranzo a cui ha partecipato il boss Cosimo Alvaro, oggi latitante. Incontro al quale lo stesso Scopelliti ha confermato di aver preso parte ai microfoni del “Fatto Quotidiano”.

Proprio con Alvaro aveva rapporti un consigliere comunale del Pdl, Michele Marcianò,  I due sono stati intercettati mentre discutevano di tessere di Forza Italia e di posti di lavoro.

E sempre di posti lavoro discutevano il consigliere comunale del Pdl Manlio Flesca con l’imprenditore Barbieri. Al centro dell’intercettazione un pacchetto di 200 voti in cambio di un dell’assunzione in una società mista della moglie dell’indagato per associazione mafiosa. Cosa che è realmente avvenuta stando a quanto accertato dal Raggruppamento operativo speciale dei carabinieri.

Ho scritto anche dell’ex consigliere regionale Alberto Sarra che aveva rapporti con la famiglia Lampada (imprenditori legati ai Condello) a Milano, come è emerso da un’inchiesta della Procura lombarda dove è finita anche un’informativa in cui si descrivono incontri tra il governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti e Paolo Martino, condannato per mafia e ritenuto il punto di riferimento della cosca De Stefano nel nord Italia.

Proprio in questi giorni, infine, dall’inchiesta “Epilogo”, coordinata dal sostituto procuratore Giuseppe Lombardo, è emerso che il consigliere comunale di maggioranza Tonino Serranò è stato filmato da una telecamera dei carabinieri mentre maneggia una pistola con un indagato ritenuto vicino alla cosca Serraino. La stessa cosca sospettata di aver organizzato l’attentato del 3 gennaio alla Procura generale.

Un attacco allo Stato senza precedenti che ha dato il via a una strategia della tensioni in cui la ‘ndrangheta è  solo uno degli attori della “tragedia”. Non è solo ‘ndrangheta. L’ex sostituto della Dna Enzo Macrì parla di “poteri occulti”. Io dico che la Procura di Reggio Calabria, guidata da Pignatone, sta andando in quella direzione e presto mi auguro che farà luce sulla “zona grigia” di questa città e di questa Regione.

Questi sono i fatti. Non si tratta di attacchi politici ma di documenti, di stralci di informative scritte dagli inquirenti.

Non spetta a noi stabilire se il comportamento di alcuni politici e del governatore della Calabria Scopelliti sia condannabile dal punto di vista penale. Lo stabilirà l’autorità giudiziaria.

È sicuramente censurabile dal punto di vista morale e politico.

 

Il cambio di direttore

Dopo le dimissioni di Pollichieni, io sono rimasto a lavorare a “Calabria Ora”. Ho continuato a scrivere allo stesso modo. Ma il giornale è cambiato radicalmente da subito nonostante le garanzie degli editori i quali mi avevano garantito che la linea editoriale non sarebbe mutata con l’arrivo del nuovo direttore Piero Sansonetti.

Non è stato così. Dopo l’intimidazione sono andato in ferie. Al mio rientro ho ripreso a scrivere riprendendo gli stessi argomenti di cui mi sono sempre occupato: la ‘ndrangheta e i rapporti tra quest’ultima e la politica.

Sono iniziate le censure di pezzi in cui compariva il nome del governatore della Calabria. Pezzi che la redazione centrale mi aveva chiesto e che non ha pubblicato senza motivazione. E quando la giustificazione c’era era sempre la stessa: “E’ un attacco violento a Scopelliti. Il direttore mi ha detto che il pezzo non passa. Lo stabilisce lui quando attaccare il governatore” mi veniva risposto dai colleghi.

A volte, inoltre, i pezzi venivano modificati senza preavviso e, soprattutto, senza che nessuno abbia avuto l’accortezza di ritirare la mia firma. Le richieste di spiegazioni formulate al direttore sono rimaste inevase. Solo al primo incontro con lui sono riuscito a chiedere il motivo delle censure che Sansonetti ha giustificato in nome di un garantismo più simile al “bavaglio” che a un modo di pensare.

A fine agosto, gli editori e il direttore avevano contattato più di un collega di un altro quotidiano confessando espressamente a quest’ultimo l’intenzione di sostituirmi perché “legato al vecchio direttore”. Il tentativo fallì per il rifiuto del collega, così come fallì il tentativo mio di essere sentito dal Comitato di redazione. Dall’8 settembre ancora aspetto che il Cdr mi convochi. Nel frattempo sono stato licenziato.

Il trasferimento e il licenziamento

Ma andiamo con ordine: gli editori e Sansonetti non abbandonarono l’obiettivo di allontanarmi da Reggio. Sempre a settembre ricevetti una telefonata dal direttore che mi ha comunicato la sua proposta di andare a lavorare a Lamezia Terme. Una proposta che puntava “anche” a rafforzare la redazione di “Reggio” dove non ci sarebbe stato più nessuno che avrebbe ficcato il naso nei fascicoli delle inchieste della Dda. Naturalmente rifiutai sostenendo “che era la stessa proposta della ‘ndrangheta”. La risposta provocò la reazione di Sansonetti che mi chiuse il telefono in faccia senza darmi la possibilità di spiegare il motivo. Nessun contatto per una settimana a parte un’ammonizione formale in cui il direttore mi ha accusato di non essermi recato a lavoro un “famoso” martedì pomeriggio, poche ore dopo una retata dei carabinieri che avevano arrestato un imprenditore, accusato del rinvenimento di armi avvenuto il giorno della visita del presidente Napolitano. Dopo aver chiesto l’autorizzazione a uno dei coordinatori della redazione centrale, ero rimasto a casa per studiarmi l’ordinanza di custodia cautelare e scrivere una pagina e mezzo sull’inchiesta. Risposi, a tono, alla contestazione e dopo mezz’ora, Sansonetti replicò con la comunicazione che da lì a qualche giorno avrebbe disposto il mio trasferimento nonostante il parere negativo (e vincolante) mio e del Cdr.

Pochi giorni ancora e sono riuscito a incontrare Sansonetti a Reggio. Un incontro breve durante il quale  ho avuto modo di spiegare il mio rifiuto al trasferimento che consideravo punitivo e che, dopo il colloquio, ritornava ad essere solo un’ipotesi che, se si fosse concretizzata, avrei ostacolato con il sindacato e con gli avvocati impugnando il trasferimento davanti ai giudici del lavoro.

Dopo qualche giorno, ho pubblicato lo scoop di un nuovo pentito nella ‘ndrangheta reggina.

La notizia, in esclusiva, ha spinto uno degli editori a telefonarmi per i complimenti e a farmi capire che sarei rimasto a lavorare a Reggio. Lo stesso, tramite un collega, mi è stato riferito da Sansonetti e dalla “squadra centrale”.  Ma quando non si è parlato più di trasferimento, dalle colonne di Calabria Ora il governatore Scopelliti mi ha tacciato come “giustizialista” sostenendo  «ci sono molte persone che conoscono mafiosi e non per questo sono mafiosi». Secondo lui «anche qualche giornalista di Calabria Ora…».

Effettivamente, molti mafiosi li conosco. Perché scrivo di loro e perché vengono fuori casa a minacciarmi. Non perché sono alla ricerca di voti o per fare affari.

Lo stesso giorno della pubblicazione di quell’intervista sono stato invitato ad “Anno zero”, nel corso di un collegamento in diretta da Reggio. Ho parlato del mio lavoro, delle inchieste che ho seguito e dei rapporti tra la ‘ndrangheta e la politica. Tutti argomenti già trattati, assieme a pochi altri colleghi, in articoli vecchi di mesi scorsi. Questa volta, però, il presidente della Regione ed ex sindaco di Reggio Scopelliti reagisce comunicando all’Ansa di aver dato mandato ai suoi avvocati di querelarmi. Nel frattempo, all’indomani dall’annuncio maldestro del governatore di adire alle vie legali, un editoriale del mio nuovo direttore Piero Sansonetti mi ha affibbiato l’appellativo di “forcaiolo”.

Una campagna “pro-garantismo” con cui il mio giornale si è schierato dalla parte di Scopelliti isolando me senza, naturalmente, alcuna telefonata.

A ventiquatt’ore dalla puntata di “Anno zero” viene diffusa la nuova piattaforma della redazione con cui Sansonetti  è ritornato ha disposto il mio trasferimento. Questa volta, però, alla redazione di Catanzaro.  La notizia trapela a causa della solidarietà del segretario cittadino del Pdci Ivan Tripodi. Io la confermo all’Ansa e Sansonetti mi querela.

Decido di andare in ferie e arriva il licenziamento immediato. Non prima che qualcuno, senza alcuna autorizzazione, dal server centrale di “Calabria Ora”, si introducesse ,sabato mattina, nella mia casella e-mail personale, cambiando la password ed impedendomi tutt’ora l’accesso. Il tecnico responsabile del sito mi ha candidamente riferito che l’editore avrebbe disposto di cancellare il contenuto della mia posta e di impedirmene l’accesso. Inutile sottolineare che si tratta di un fatto gravissimo e penalmente rilevante ed è per questo che su tale ultimo episodio indagano i carabinieri di Reggio ai quali, ancor prima di apprendere del mio maldestro “licenziamento” (via fax), ho presentato regolare querela e dai quali sono stato già lungamente sentito come parte offesa.

 

Lucio Musolino

POLITICA
Scopelliti a Cosenza presenta il Piano di Rientro della Sanità calabrese. Fuori le proteste.
17 ottobre 2010



Impressioni di un'osservatrice

Sabato scorso c'erano tutti, o quasi, quando il Presidente della Regione Calabria, Scopelliti, ha varcato la soglia del teatro Morelli, a Cosenza. C'erano tutti i suoi (apparentemente) fedelissimi, stretti nei loro abiti scuri, con le loro scarpe tirate a lucido e il sorriso scolpito sul volto. Eccoli, gli uomini del Presidente. Eppure dagli occhi di alcuni sembrava trasparire un certo disprezzo, che neanche gli slogan enfatici scanditi nel copione perfetto, nella recita perfetta, sono riusciti a celare. A chi, o a cosa fosse rivolto quel disprezzo, forse sarà il tempo a dirlo. Ma il Pdl che è apparso per la prima volta ai miei occhi, qualche giorno fa, mi è sembrato tutt'altro che spinto da un moto armonico. Intanto il Piano di Rientro della Sanità porterà nelle casse regionali ben 800 milioni di euro. Per cui vale la pena riportare fedelmente quello che ho visto, sentito e sintetizzato. Ciò che segue è semplice cronaca.

La cronaca e le dichiarazioni

Pubblicato su Mezzoeuro

Il Piano di Rientro perla Sanità è scattato, in un clima di fibrillazione politica che vede il Presidente della Regione Scopelliti al centro di una bufera mediatica senza precedenti. Tra i punti cardine del Piano il probabile licenziamento di 1427 persone, attualmente impiegate nel settore sanitario, e la disattivazione e riconversione di 18 presidi ospedalieri. E sulla pregressa gestione sanitaria del cosentino, dalla nuova Giunta, è arrivata una pioggia di critiche accese. Lo slogan "Meno sprechi, più qualità" sovrasta la platea, a Cosenza, in un teatro Morelli gremito, dall'alto dello schermo su cui Scopelliti illustra il piano.

Le dichiarazioni di Scopelliti

 "Non è il momentodi parlare, è quello di fare" afferma il Presidente. E nel clima di grande consenso che lo circonda, Giuseppe Scopelliti presenta quel Piano di Rientro "utile alla causa della crescita e dello sviluppo di questo territorio". Non mancano le critiche agli ex consiglieri Pd, Principe e l'ex consigliere Franco Pacenza, che invitano la nuova Giunta a essere ligia sull'attuazione del Piano. "Quando in questa parte di territorio la Sanità veniva svenduta da logiche perverse, voi dov'eravate?" gli risponde Scopelliti. "In un territorio come quello cosentino, che èstato ampiamente devastato, dove l'autista del manager prendeva 700mila euro di straordinario, figuriamoci il resto. Qui si è realizzata una perdita che è circa il 40% del disavanzo regionale". Scopelliti sottolinea le sue perplessità su un Piano di Rientro calato dall'alto, preparato a tavolino, senza concertazione alcuna, dalla precedente Giunta Loiero. E afferma: "Noi possiamo approfondire il Piano, ma non possiamo modificarlo. Perché ciò porterebbe almeno un anno di ritardo alla sua attuazione e noi non abbiamo più tempo". A causa della disattesa del cronoprogramma nell'attuazione del Piano, infatti, ancora oggi la Regione Calabria è in attesa di ben 800mln di euro, quella premialità che potrà ricevere solo se applicherà tempestivamente quanto previsto. "Abbiamo chiesto al Governo se si puo' avere un anticipo diqueste risorse, perché siamo in una situazione di grande emergenza" continua il Presidente. Altro elemento fondamentale è "produrre in tre anni 1.400 unità in meno, rispetto alle attuali", perché la Sanità ha prodotto 3mila posti di lavoro in più rispetto al suo reale fabbisogno. "Non dobbiamo misurarci più su chi è il meno peggio in Calabria, ma su chi è il più bravo", continua Scopelliti. E nel cuore dell'esposizione del Piano regala al suo pubblico un'interessante notizia: "E'stata fatta una valutazione sbagliata del debito. Riteniamo che forse al 31 dicembre del 2008 il disavanzo della regione Calabria non sia 2miliardi e 166 mln, bensì potrebbe non superare il miliardo e 100". Quindi, nei prossimi mesi, potremmo avere delle sorprese inattese. 

Le dichiarazioni di Pino Gentile, assessore alle Infrastrutture della Regione Calabria

A illustrare le ragioni dell'attuazione del Piano di Rientro anche l'assessore alle Infrastrutture, Pino Gentile, che lo definisce "l'unico modo per ricevere, da parte del Governo gli 800 mln dieuro che la Regione deve avere per la Sanità" e aggiunge: "Ho visto all' ospedale di Cosenza, i medici si stanno rimotivando, hanno voglia di fare, c'è un po' di ordine in più, c'è un po' di spreco in meno, e queste sono le cose importanti! La sanità di prima, non la possiamo più tollerare. Quella soprattutto a Cosenza, sul territorio, era un imbroglio continuo, uno spreco continuo, un atto in dispregio del buon senso e di quella sanità buona che la gente vuole". Gentile non risparmia critiche accese alla stampa, affermando: "La demagogia, sulla nostra terra è quella frequentata di più, sui giornali, nelle piazze, in mezzo alla gente,e però si dimenticano le cose importanti". E aggiunge: "Non si può scherzare con una Sanità che ha fatto dei debiti, ha fatto le cose peggiori, dove i bravi medici sono stati messi da parte e dove ha fatto rumore solo il giornale e i casi eclatanti di malasanità! Io credo che c'è un'ottima Sanità in Calabria, e va portata avanti e migliorata. Non è vero che si vogliono chiudere ospedali! Si riaprono ospedali semichiusi, ospedali che registravano soltanto morti, perché erano messi male. Sono ospedali che vanno riconvertiti". 

Occhiuto, UDC

A Mezzoeuro, anche Occhiuto, UDC, afferma: "Non è più tempo di sprechi. La Sanità non può più essere un baraccone per alimentare clientele. E' necessario intervenire innanzitutto sui problemi strutturali, come per esempio i ricoveri impropri. Si possono tagliare i posti letto laddove sia possibile, e applicare il regime ambulatoriale. Sulle strutture d'eccellenza che sono cristallizzate nell'attesa di essere aperte, ci risponde: "Diamo tempo a chi governa di affrontare tutti i problemi. Sarebbe ingiusto attribuire, a chi sta avendo il coraggio di riformare la Sanità, anche le colpe di chi questo coraggio non ha avuto, negli anni passati". 

Mancini, Pdl

Giacomo Mancini (Pdl), dal palco di teatro Morelli,sottolinea come "Lo scopo è quello di realizzare una sanità efficace, chiamare in servizio i medici migliori, creare strutture altamente competitive. Questo è l'obiettivo posto alla base della nostra azione di governo". 

Chiappetta, Pdl

E ancora, Gianpaolo Chiappetta:"L'importante è creare in Calabria un modello di sviluppo sanitario che metta al centro la persona, cosa che non si è verificata fino a questo momento. Rispetto a questo" continua Chiappetta "non è impegnato solo il Presidente Scopelliti con la sua Giunta, ma siamo impegnati tutti, siete impegnati tutti in prima persona. Abbiamo assolutamente bisogno di abbattere il concetto stereotipato della "Calabria piagnona, ritardataria, parassitaria". 

Magarò, Pdl

E ancora, Magarò(Pdl): "Penso che i cittadini calabresi aspirino a una Sanità efficiente e razionale, in cui la politica faccia un passo indietro rispetto alla gestione. La salute è al primo posto, nel cuore e nella testa dei calabresi, che ambiscono ad esser curati in Calabria, a cambiare le cose, e io penso che questo Piano di Rientro sanitario punti a eliminare gli sprechi, a migliorare la qualità delle prestazioni, ma soprattutto a maggiori investimenti". Sull'apertura dei reparti immersi nel limbo dell'attesa, come quello di degenza ordianaria, del reparto di ematologia dell' Annunziata di Cosenza, Magarò ci risponde: "La fuga dei calabresi verso altre regioni purtroppo è il dato negativo. In Calabria ci sono punti d'eccellenza che meritano di essere valorizzati, questo reparto che lei ha citato qui a Cosenza è diretto da un buon professionista, le famiglie sono entusiaste e contente. Penso che vada potenziato e migliorato. Penso che razionalizzare la spesa non vuol dire non fare investimenti. Gli investimenti devono essere fatti, anche dal punto di vista strumentale, migliorando le attrezzature, e soprattutto premiando coloro i quali riducono le liste di attesa, e penalizzando coloro i quali utilizzano la Sanità per fare politica". 

Tosti, Pdl

E ancora,Roberto Tosti, dirigente del Pdl, afferma che: "Dopo unapolitica di disfattismo e di sprechi, ecco una politica a servizio della Sanità, e non la Sanità a servizio della politica. Cirendiamo conto che in Italia c'è un primo fattore: quello della mancanza della qualità assistenziale, dove c'è tantissima emigrazione sanitaria, dove ci sono degli sprechi e manca la qualità.Speriamo che questa volta abbia buon fine. Certo, il percorso èdifficile, ma suppongo che Scopelliti, insieme alla sua Giunta,raggiungerà un traguardo che sarà utile a tutti i calabresi. Cisaranno anche le eccellenze che non saranno più l'eccellenza sulla carta ma si chiameranno eccellenze perché faranno un alto profilo di qualità assistenziale che in Calabria, oggi, si vede pochissimo".

Le polemiche sulle accuse ricevute da Scopelliti, nell'ambito della trasmissione "Annozero"

Nell'ambito della presentazione del Piano di Rientro Scopelliti fa un cenno alle polemiche che lo hanno investito, dopo la puntata rovente di Annozero. "Gente che fa il parlamentare pensa di poter aggredire la politica" afferma dal palco "ma quando si parla bisogna fare nomi e cognomi e mirare al bersaglio, sapendo ciò che si dice e assumendosi le responsabilità. Su queste cose non si può generalizzare". Poi sottolinea fortemente: "Il tema della Sanità è vitale perché se si supera questo scoglio diventa più agevole operare altre riforme, su altri terreni e altri comparti. Perché per noi la Sanità oggi rappresenta la vera grande sfida sul livello culturale. Riuscire a vincere questa partita significa stravolgere i meccanismi di chi ha sempre pensato che in Calabria le grandi rivoluzioni non si potessero fare".  

Le mie conclusioni

Solo il tempo potrà fornirci gli elementi per valutare se Scopelliti passerà alla storia come l'autore di un'impresa epica, come quella di salvare la Sanità calabrese. Intanto ieri si è registrata l'ennesima morte dubbia, in un ospedale del catanzarese. Baltov Zdravko, tredici anni, di origini bulgare, è morto ieri mattina all'ospedale Pugliese Ciacco. Il giovane era stato dimesso due giorni prima dal Pronto Soccorso. 

Giulia Zanfino


diritti
Catanzaro: proteste contro i fumi della fabbrica dei veleni "Seteco"
12 agosto 2010

Foto: Emilio Grimaldi (www.emiliogrimaldi.blogspot.com)

Catanzaro. "Un disastro ambientale senza precedenti". Queste le dure affermazioni del comitato "Seteco, la fabbrica dei veleni nascosti", durante l'incontro tenutosi nel Palazzo della Regione Calabria, a Catanzaro, con Sonia Munizzi, vicecapo di Gabinetto del presidente della Regione, Scopelliti. Il comitato, nato dall'esasperazione di un gruppo di cittadini che da anni denuncia invano le esalazioni tossiche sprigionate dal grigio capannone della seteco srl, che giace sotto sequestro nella zona industriale, a ridosso della strada statale dei Due Mari, ha promosso una manifestazione di protesta proprio a Catanzaro. Per accendere i riflettori regionali su quella che è una catastrofe ambientale, che va avanti da ben quattro anni. Siamo in località Marcellinara e dal ciglio della statale 280, all'altezza della zona industriale, chiunque può sentire le folate di cattivo odore che si sprigionano vicino al capannone della Seteco. Le spesse spirali di fumo bianco, frutto del processo di autocombustione di un ammasso di rifiuti accatastati nella struttura, posta sotto sequestro la prima volta già nel duemilasei, la dicono lunga sul grado di pericolosità di queste esalazioni. Provenienti forse dai residui dei fertilizzanti un tempo prodotti dalla Seteco. Ma secondo alcuni "lì dentro c'è qualcosa che non va", perché dal duemilasei il fascicolo gira nelle procure e tra i tavoli istituzionali. Eppure, ad oggi, i rifiuti continuano a bruciare. Proprio per questo, venerdì, il volto coperto da una simbolica mascherina, i membri del comitato "Seteco, la fabbrica dei veleni nascosti", un nutrito gruppo di cittadini, e qualche rappresentante dei partiti politici IDV e i Radicali Italiani, si sono recati a Catanzaro, in piazza Grimaldi, per manifestare la loro indignazione. Grande assente alla manifestazione, l'associazione "Legambiente", che però ha aderito alla battaglia del comitato. 

Foto: Emilio Grimaldi

Grandi assenti i cittadini che vivono e lavorano nelle zone adiacenti al capannone dei veleni, prime vittime di questo scempio silenzioso. "Il fatto che alla manifestazione non ci fosse chi abita vicino all'area colpita dai fumi è segno che le persone hanno paura di esporsi" afferma il comitato. " Se sono quattro anni che il capannone sprigiona fumi nocivi e nulla è stato fatto per porvi rimedio, vuol dire che c'è qualcosa che non và" prosegue il comitato. Ma sono stati assenti anche i rappresentanti politici del Comune di Marcellinara. Nessun delegato del sindaco Scerbo, che ha più volte confermato il suo impegno verso la questione "Seteco", ha partecipato al sit-in. Ennesimo triste segnale della voragine che troppo spesso divide cittadini attivi e loro rappresentanti istituzionali, specchio di una politica che stenta ad uscire dalle stanze dei palazzi padronali, per battersi quotidianamente insieme alla collettività e difenderne il diritto alla salute e alla vita, nelle nostre terre. 


Dopo aver manifestato a colpi di slogan enfatici, tra i quali "Seteco: licenza di uccidere", nel cuore di piazza Garibaldi, una delegazione del comitato è stata ricevuta dalla dottoressa Munizzi, vicecapo di Gabinetto del presidente Scopelliti, che ha sottolineato subito come il presidente fosse stato messo a conoscenza della vicenda solo a seguito della manifestazione. Secondo alcuni, invece, poco dopo il suo insediamnto in Regione, il neo presidente Scopelliti aveva ricevuto un fascicolo contenente il caso "Seteco" e le esalazioni velenose sprigionate dal capannone, per anni. Del resto chiunque attraversa la Due Mari sente le folate di cattivo odore che arrivano dalla zona industriale, ed è curioso immaginare che il presidente della Regione non si sia posto delle domande. Durante l'incontro il comitato ha espresso preoccupazione sia per i cittadini che vivono e lavorano nell'ambiente adiacente al capannone Seteco, sia per la catena alimentare, danneggiata profondamente dalle esalazioni della fabbrica abbandonata. Attorno alla zona industriale ci sono pascoli e coltivazioni. E bisogna cercare di capire quanto sia grave il danno e come farvi fronte. Nell'ambito dell'incontro la dottoressa Munizzi, a cui il comitato ha spiegato dettagliatamente tutta la vicenda, ha affermato: "La vostra è una denuncia giusta e legittima". La vice capo gabinetto si è impegnata a fare in modo che il presidente Scopelliti, in concerto con la Procura, l'Arpacal e Vincenzo Iiritano, curatore fallimentare della Seteco srl, trovi una soluzione per poter intervenire il prima possibile a tutela della salute pubblica del catanzarese. E dopo quattro anni di inerzia sembra toccherà proprio al presidente Scopelliti prendere di petto una situazione letteralmente esplosiva. La prossima settimana il comitato attende notizie sul da farsi. Altrimenti organizzerà una grossa manifestazione, per rompere definitivamente il silenzio che ha avvolto per anni questa torbida vicenda.

Giulia Zanfino

Mezzoeuro 31/07/2010

foto: Emilio Grimaldi

POLITICA
Aiello Calabro. Dibattito su "Dissesto idrogeologico e inquinamento ambientale". Le istituzioni negano l'esistenza delle navi dei veleni
2 agosto 2010


Aiello Calabro. Rassicurare i cittadini e difendere l'economia della stagione balneare. Questo il probabile obiettivo dell'assessore regionale all’Ambiente, on.le Francesco Pugliano, nell'incontro tenutosi giovedì pomeriggio ad Aiello Calabro. Il macroscopico argomento affrontato, del resto, la dice lunga. Perché in, Calabria quando si parla di “Dissesto idrogeologico e inquinamento ambientale”, dire che và tutto bene è diventato un classico. Ed è chiaro che la Regione Calabria deve difendere a tutti i costi il fragile equilibrio su cui è adagiata l'economia della stagione estiva. Così, nell'incontro tenutosi giovedì 29 luglio, ad Aiello Calabro, paese colpito duramente dalle morti di cancro a seguito del quasi certo traffico di rifiuti tossici e radioattivi connessi alla torbida vicenda della Jolly Rosso, l'assessore ha smentito la possibile contaminazione delle nostre terre. Pur parlando a pochi chilometri dalla cava dove giace il cesio 137, uno ione radioattivo pericolosissimo rinvenuto da più di un anno nelle terre circostanti il fiume Oliva. Il tema trattato è certamente tra i più spinosi attualmente in circolazione in Calabria. E il tavolo dei relatori è ricco di geologi esperti, quali il presidente regionale dell’ordine dei geologi Franco Violo , il geologo Gino Merenda già direttore dell’Istituto per la protezione idrogeologica del CNR di Rende. Tra i relatori anche l’ambientalista e giornalista d'inchiesta Francesco Cirillo, oltre ai politici locali quali Michele Bruni, capogruppo consiliare di Alleanza per il progresso di Aiello Calabro, e il consigliere regionale del Pdl, Fausto Orsomarso. La fotografia scattata dai geologi e dell’ambientalista Cirillo è impietosa. Trapela l'immagine di una Calabria duramente ferita da veleni e dissesti idrogeologici. E proprio il geologo Franco Violo sforna dati incredibili, che nella sala fanno calare il gelo, nonostante il caldo afoso di quel pomeriggio estivo. Violo sottolinea come, in Calabria, negli ultimi due anni ci siano state 550 frane ed oltre 1000 smottamenti, e ciò nonostante manchino leggi specifiche per intervenire sul territorio. Manca, infatti, una legge sismica, una legge sulle cave e una sul territorio. Come se non bastasse, per intervenire sui danni subiti dalle nostre terre, occorrerebbero 4 miliardi di euro, e un investimento diretto, da gestire attraverso una rete di geologi che in Calabria c'è già, ma non viene sfruttata nelle sue potenzialità. Durante il dibattito sono state proiettate su uno schermo le inquietanti immagini delle frane avvenute negli ultimi anni in Calabria. E a mettere il dito nella piaga anche le dure affermazioni del dott. Merenda. E' lui che parla di 180 centri storici completamente abbandonati in tutta la nostra terra. 180 centri storici che potrebbero essere recuperati e, invece, sono stati dimenticati dai governi che si sono susseguiti nella regione. Uno su tutti il centro storico di Laino Borgo quasi ancora integro nonostante sia stato abbandonato da un decennio circa. Il dottor Merenda rivela di essersi opposto all’abbandono dell’intero paese di Cavallerizzo e di essere stato estromesso dai studi effettuati sul territorio, perché contrario a operazioni che prevedevano l’utilizzo di fondi europei e nazionali, in operazioni di riqualificazione assolutamente sterili. E sforna una competenza mostruosa condita a una profonda amarezza, per come sono state trattate professionalità come la sua, negli anni pregressi.

Manifestazione per la verità sulle navi dei veleni, 2004

L’intervento di Francesco Cirillo, seguito a quello di Merenda, è stato accolto dall’ applauso di tutti i presenti in sala. Cirillo è conosciuto da tempo nel territorio, per le sue battaglie sulle navi dei veleni, e all’ingresso della sala il banchetto allestito per la vendita del suo ultimo lavoro, è stato preso d'assalto. Il libro tratta proprio della torbida vicenda degli affondamenti di navi cariche di rifiuti radioattivi, nei fondali del Tirreno cosentino. Così “La notte di Santa Lucia”, ultima fatica del giornalista, è andata letteralmente a ruba. Cirillo, nel suo intervento, racconta la sua Calabria, sottolineando la rottura del rapporto fra l’uomo e la natura. Una rottura dovuta da uno sviluppo del territorio, da lui definito “scriteriato”, che ha visto l'edificazione selvaggia deturpare spiagge, fiumi e consegnare il territorio alle ‘ndranghete, che, secondo Cirillo, hanno sotterrato rifiuti tossici ovunque. Cirillo è convinto che i propri fusti tossici trasportati dalla Jolly Rosso non siano una chimera e che quel carico radioattivo sia stato sotterrato sul letto del fiume Oliva, nella cava e nelle briglie adiacenti. Riferisce di quanto detto dalla Procura della repubblica di Paola rispetto ai centomila metri cubi di rifiuti tossici rinvenuti nella valle dell'Oliva, paragonando quella massa di veleni a un Colosseo seppellito nel fiume. E subito dopo il suo intervento sono arrivate le rassicurazioni, offerte al pubblico dai rappresentanti istituzionali. Prima il consigliere regionale Orsomarso, poi l’assessore regionale all’Ambiente, Pugliano, poi il sindaco di Aiello Calabro, Iacucci. I tre sono concordi nell'affermare che le navi dei veleni non ci sono perché lo hanno detto la ministra all’Ambiente e alla tutela del Territorio e dei Mari, Stefania Prestigiacomo e i tecnici della Mare Oceano, l'imbarcazione che ha effettuato i rilievi sulle zone sospette, mesi addietro. Poco importa che il proprietario della Mare Oceano sia, di fatto, quall’Attanasio amico di Berlusconi e testimone al processo Mills; lungo il fiume Oliva non ci sono scorie radioattive perché lo ha affermato l’Ispra (istituto superiore per la protezione e ricerca ambientale) che è un soggetto legato al Ministero dell’Ambiente. Quindi solo chiacchiere quelle degli ambientalisti catastrofisti. E sia l’assessore Pugliano, che Orsomarso si rivolgono a Cirillo, ritenuto per l'ennesima volta la “Cassandra” della Calabria pulita. Ma ad attenderli non è solo l' infiammata risposta di Cirillo. Vi è anche la reazione dell'intera platea. Diversi cittadini chiedono la parola e rivolgendosi direttamente all’assessore all’ambiente ricordano l'ecatombe silenziosa legata alle morti per tumore, che ha messo in ginocchio l'intero territorio. E ricordano i fiumi di testimonianze susseguitesi negli anni, sui presunti traffici di rifiuti. E’ un fuoco di fila che fa vacillare i rappresentanti delle istituzioni, obbligati a fare i conti, sulla propria pelle, con lo stato di esasperazione esistente nelle popolazioni locale, che vedono svanire la possibilità di raggiungere una qualche verità su quanto è avvenuto lungo il fiume Oliva e nel mare antistante. Il sindaco Iacucci, sollecitato dalla sua minoranza in consiglio, dice che si costituirà parte civile quando finirà tutta la storia e solo se necessario. Adesso Iacucci afferma di non vederne l’urgenza e chiede alla Procura di Paola di sollecitare tutte le procedure riguardo ai prelievi, pe mettere la parola fine a questa dolorosa vicenda. Eppure sembra non siamo ancora vicini alla verità, sulla vicenda delle navi dei veleni. La parola “fine” è lontano dall'esser posta.


Giulia Zanfino

Mezzoeuro 31/07/2010

Foto: internet

sfoglia
luglio        gennaio