Inchieste, reportage e articoli. Tutto questo è Donnelibertadistampa, il blog a quattromani di Valeria Brigida e Giulia Zanfino Donnelibertadistampa | donne libertà di stampa | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


diritti
Catanzaro: proteste contro i fumi della fabbrica dei veleni "Seteco"
12 agosto 2010

Foto: Emilio Grimaldi (www.emiliogrimaldi.blogspot.com)

Catanzaro. "Un disastro ambientale senza precedenti". Queste le dure affermazioni del comitato "Seteco, la fabbrica dei veleni nascosti", durante l'incontro tenutosi nel Palazzo della Regione Calabria, a Catanzaro, con Sonia Munizzi, vicecapo di Gabinetto del presidente della Regione, Scopelliti. Il comitato, nato dall'esasperazione di un gruppo di cittadini che da anni denuncia invano le esalazioni tossiche sprigionate dal grigio capannone della seteco srl, che giace sotto sequestro nella zona industriale, a ridosso della strada statale dei Due Mari, ha promosso una manifestazione di protesta proprio a Catanzaro. Per accendere i riflettori regionali su quella che è una catastrofe ambientale, che va avanti da ben quattro anni. Siamo in località Marcellinara e dal ciglio della statale 280, all'altezza della zona industriale, chiunque può sentire le folate di cattivo odore che si sprigionano vicino al capannone della Seteco. Le spesse spirali di fumo bianco, frutto del processo di autocombustione di un ammasso di rifiuti accatastati nella struttura, posta sotto sequestro la prima volta già nel duemilasei, la dicono lunga sul grado di pericolosità di queste esalazioni. Provenienti forse dai residui dei fertilizzanti un tempo prodotti dalla Seteco. Ma secondo alcuni "lì dentro c'è qualcosa che non va", perché dal duemilasei il fascicolo gira nelle procure e tra i tavoli istituzionali. Eppure, ad oggi, i rifiuti continuano a bruciare. Proprio per questo, venerdì, il volto coperto da una simbolica mascherina, i membri del comitato "Seteco, la fabbrica dei veleni nascosti", un nutrito gruppo di cittadini, e qualche rappresentante dei partiti politici IDV e i Radicali Italiani, si sono recati a Catanzaro, in piazza Grimaldi, per manifestare la loro indignazione. Grande assente alla manifestazione, l'associazione "Legambiente", che però ha aderito alla battaglia del comitato. 

Foto: Emilio Grimaldi

Grandi assenti i cittadini che vivono e lavorano nelle zone adiacenti al capannone dei veleni, prime vittime di questo scempio silenzioso. "Il fatto che alla manifestazione non ci fosse chi abita vicino all'area colpita dai fumi è segno che le persone hanno paura di esporsi" afferma il comitato. " Se sono quattro anni che il capannone sprigiona fumi nocivi e nulla è stato fatto per porvi rimedio, vuol dire che c'è qualcosa che non và" prosegue il comitato. Ma sono stati assenti anche i rappresentanti politici del Comune di Marcellinara. Nessun delegato del sindaco Scerbo, che ha più volte confermato il suo impegno verso la questione "Seteco", ha partecipato al sit-in. Ennesimo triste segnale della voragine che troppo spesso divide cittadini attivi e loro rappresentanti istituzionali, specchio di una politica che stenta ad uscire dalle stanze dei palazzi padronali, per battersi quotidianamente insieme alla collettività e difenderne il diritto alla salute e alla vita, nelle nostre terre. 


Dopo aver manifestato a colpi di slogan enfatici, tra i quali "Seteco: licenza di uccidere", nel cuore di piazza Garibaldi, una delegazione del comitato è stata ricevuta dalla dottoressa Munizzi, vicecapo di Gabinetto del presidente Scopelliti, che ha sottolineato subito come il presidente fosse stato messo a conoscenza della vicenda solo a seguito della manifestazione. Secondo alcuni, invece, poco dopo il suo insediamnto in Regione, il neo presidente Scopelliti aveva ricevuto un fascicolo contenente il caso "Seteco" e le esalazioni velenose sprigionate dal capannone, per anni. Del resto chiunque attraversa la Due Mari sente le folate di cattivo odore che arrivano dalla zona industriale, ed è curioso immaginare che il presidente della Regione non si sia posto delle domande. Durante l'incontro il comitato ha espresso preoccupazione sia per i cittadini che vivono e lavorano nell'ambiente adiacente al capannone Seteco, sia per la catena alimentare, danneggiata profondamente dalle esalazioni della fabbrica abbandonata. Attorno alla zona industriale ci sono pascoli e coltivazioni. E bisogna cercare di capire quanto sia grave il danno e come farvi fronte. Nell'ambito dell'incontro la dottoressa Munizzi, a cui il comitato ha spiegato dettagliatamente tutta la vicenda, ha affermato: "La vostra è una denuncia giusta e legittima". La vice capo gabinetto si è impegnata a fare in modo che il presidente Scopelliti, in concerto con la Procura, l'Arpacal e Vincenzo Iiritano, curatore fallimentare della Seteco srl, trovi una soluzione per poter intervenire il prima possibile a tutela della salute pubblica del catanzarese. E dopo quattro anni di inerzia sembra toccherà proprio al presidente Scopelliti prendere di petto una situazione letteralmente esplosiva. La prossima settimana il comitato attende notizie sul da farsi. Altrimenti organizzerà una grossa manifestazione, per rompere definitivamente il silenzio che ha avvolto per anni questa torbida vicenda.

Giulia Zanfino

Mezzoeuro 31/07/2010

foto: Emilio Grimaldi

diritti
Seteco: la fabbrica dei "veleni nascosti" continua a sprigionare fumi nocivi
24 luglio 2010

(Marcellinara, il capannone Seteco che sprigiona fumi velenosi)

Catanzaro. Lunghe spirali di fumo bianco si sprigionano lungo il tetto di un imponente capannone industriale. Da più di un anno. Nel grigiore della struttura avvolta dai fumi è impresso il marchio "Seteco". Un blogger un po’ matto si è spinto al suo interno, armato di telecamera. Da allora il suo video-documento, che mostra l’agghiacciante autocombustione di una massa di rifiuti accatastati in quella struttura abbandonata, sta spopolando sul blog “emiliogrimaldi.blogspot.com”. L’autore è, infatti, il giornalista Emilio Grimaldi, che si occupa della questione da qualche mese. Così veniamo a conoscenza dei fatti e ci rechiamo sul posto, per vedere con i nostri occhi l’ennesimo scempio ambientale e umano della nostra Calabria. Il capannone che “brucia”appartiene alla Seteco srl, di proprietà di Pasquale Leone, e si trova sul territorio di Marcellinara, nell’area industriale che corre lungo la strada dei Due Mari. Poco lontano da Catanzaro. La fabbrica, fino a qualche tempo fa, produceva fertilizzanti. Ma come succede spesso nella nostra regione, pare che i proprietari abbiano violato le leggi, seppellendo i rifiuti provenienti dall’ azienda in una collinetta all’interno del perimetro aziendale. Così ecco il primo sequestro dell’azienda, nel 2006, con l'accusa appunto di reati ambientali. Da allora la Procura di Catanzaro si è attivata perché l’azienda provvedesse a mettere le cose in regola. Sembra invano. E i fumi sprigionati da mesi dal capannone ne sono una testimonianza indelebile. Inoltre, nel corso degli anni, prima della chiusura, la Seteco ha avuto vita movimentata. Scandita dal tipico balletto calabrese della chiusura e la riapertura aziendale. E i vari ricorsi dei suoi avvocati sono rimbalzati fra il Tribunale di Catanzaro, l’ASL e il Comune. Fino al sequestro definitivo. Ed ecco l’inizio del dramma. La fabbrica, ad oggi, continua a espellere fumi maleodoranti, che si spargono in un’area abitata da cittadini del posto e frequentata, perché ricca di diverse aziende, che sono appunto nell’area industriale dov’è ubicato il capannone Seteco. La sostanza acre che si sprigiona dal capannone crea un forte bruciore agli occhi e assale alla gola, se ci si avvicina più del dovuto. Eppure, sul ciglio della strada adiacente le mucche pascolano e le persone continuano a lavorare poco lontano da lì. Del resto, non possono fare altrimenti. Infatti sono tantissimi gli esposti presentati da cittadini e imprenditori. Eppure nessuno riesce a fermare quell’incendio di prodotti chimici. E nessuno sa dire perché la fabbrica continui a fumare. Tantomeno perché l’amministrazione comunale e la magistratura non siano ancora intervenute per fermare i fumi tossici. Resta il fatto che, dopo i veleni della Marlane di Praia a Mare, quelli del Fiume Oliva, le ferriti di zinco della Sibaritide, i cubilot tossici di Crotone, si consuma l’ennesimo, lampante, scempio ambientale calabrese. Quello della Calabria che continua a subire.

(Una mucca che pascola vicino al capannone Seteco)

Il PD di Marcellinara ha interrogato il sindaco Scerbo sulla questione. Nel testo si legge:“Il Circolo PD di Marcellinara con la presente chiede al Sindaco Giacomo Scerbo quali interventi fino ad oggi abbia adottato e quali intenda adottare in merito all’emergenza sanitaria ed ambientale provocata dall’emissione di fumi nocivi dai capannoni, in località Serramonda, della SETECO, azienda posta in fallimento e in fermo produttivo dal febbraio 2009. Chiediamo al primo cittadino di Marcellinara, nonché autorità sanitaria locale, quanto e cosa ancora si debba aspettare prima di porre fine al fenomeno di autocombustione dei materiali semilavorati abbandonati nei capannoni.Il disastro ambientale è sotto gli occhi di tutti così come il pericolo per la salute e l’incolumità pubblica. Chiunque percorra la “Due mari”, una volta giunto nei pressi della zona industriale di Marcellinara, da mesi assiste allo spettacolo indecoroso dei fumi maleodoranti che fuoriescono e circondano la SETECO, più simile a un set cinematografico di un film dell’orrore (immaginando cosa possa essere contenuto in quei capannoni), o un inferno dantesco. Il tutto è ormai assurto ad immagine negativa, per chiunque si trovi a ansitare nei pressi, a danno della nostra comunità e del nostro territorio più produttivo. I cittadini di Marcellinara, in particolare quelli che abitano nei pressi dell’azienda in discussione, i lavoratori e gli imprenditori danneggiati che hanno presentato numerosi esposti e denunce per le conseguenze sulla salutee sull’ambiente, aspettano da questa Amministrazione risposte e atti concreti; evidentemente non sono sufficienti ordinanze che vengono puntualmente annullate. Chiediamo al Sindaco e all’Amministrazione se e quando è stata formalizzata dalla SETECO la richiesta di autorizzazione allo smaltimento dei rifiuti organici così come dichiarato dal titolare dell’azienda e cosa è stato risposto in merito. Ci appelliamo ai Consiglieri di minoranza del gruppo "Uniti per Marcellinara" affinché si facciano portavoce delle nostre richieste in seno al Consiglio Comunale con una interrogazione ufficiale al Sindaco e alla Giunta. Attendiamo risposte, in tempi brevissimi, ai quesiti sollevati, dal momento che la stagione estiva potrebbe aggravare la situazione già ora molto pericolosa.

Il sindaco Scerbo risponde: “Abbiamo come unico interesse la salvaguardia e la tutela della salute dei cittadini e del territorio di Marcellinara,abbiamo già assunto determinazioni in merito e non stiamo certo con le mani in mano a guardare l’evolversi della situazione senza far nulla. Non doveva essere certo un volantino politico con una alquanto sommaria e frettolosa ricostruzione dei fatti a far comprendere all’Amministrazione Comunale di Marcellinara la delicata situazione che si vive nella zona di Serramonda nei pressi della Ditta Seteco srl, posta sotto sequestro dal gennaio 2010 e amministrata dalla curatela fallimentare dalla fine del mese di febbraio scorso».«Quando si parla di questioni così delicate è bene farlo con cognizione di causa e non a caso” continua il sindaco “In ogni modo gli atti adottati dall’Ente sono pubblici e quindi a disposizione della collettività che può sentirsi sollevata dall’allerta massima sul problema mantenuta dall’Amministrazione Comunale. Sono state sollecitate e continuano ad essere sollecitate quotidianamente tutte le autorità preposte, un dossier è pronto per la trasmissione al Ministero dell’Ambiente. Alle ordinanze finora emesse a carico della Seteco srl è stato solo risposto con la comunicazione di impossibilità per mancanza di sostanze economiche. Mentre una tra le ultime, già pubblicata, ordinanza sindacaleN°31/2010 con la quale si ordina il monitoraggio e l’avvio di tutti gli interventi necessari per la sicurezza antincendio all’interno dell’opificio della medesima ditta Seteco in ottemperanza anche a quanto indicato nei verbali dei Vigili del Fuoco intervenuti più volte per domare i focolai che si creano mediante autocombustione dei rifiuti solidi giacenti all’interno del capannone. Pertanto la Giunta Comunale di Marcellinara condeliberazione n.58 del 25 maggio 2010 ha ritenuto di dover attivare con ditte specializzate la richiesta di preventivi per lo smaltimento, mettendo comunque in evidenza che la Ditta Seteco srl è già debitrice nei confronti dell’Ente di circa 350.000 euro per il mancato pagamento dei tributi comunali per diverse annualità.Tutti i provvedimento adottati sono stati depositati per l’opportuna conoscenza presso la Procura della Repubblica di Catanzaro”.Intanto gli ambientalisti della Rete per la Difesa della Calabria“Franco Nisticò” annunciano un sit in davanti al capannone Seteco. Forniti di mascherine antigas. Loro, nonostante le dichiarazioni del sindaco Scerbo, non si sentono per nulla sollevati dall’ “allerta massima” sul problema Seteco. Intendiamoci: la risposta del sindaco all’interrogazione del PD è stata impeccabile. Ma dal venticinque maggio ad oggi nulla è cambiato. E il tempo continua a dilatarsi tra le lunghe spirali di fumo che avvolgono il grigio capannone della Seteco. Nell’attesa di un intervento istituzionale che, nei casi di necessità ed urgenza per tutelare la salute pubblica, deve avvenire tempestivamente. Almeno questo è quanto prevede la legge.  

Giulia Zanfino

Mezzoeuro 24/07/2010

foto: Giulia Zanfino

sfoglia
luglio        ottobre